Saggi Storici di Andrea Vitali

Saggi Ospiti

La Morte

 

Copyright Andrea Vitali  - © Tutti i diritti riservati 1997 e 2018

 

Fino al sec. XIV, scrive Tenenti, non esiste una figurazione della morte non strettamente cristiana (1). Dalla metà del Trecento, con l’avvento delle grandi epidemie, in particolar modo la peste che mieté milioni di vittime, la paura della morte incombente produsse i suoi effetti anche nell’arte figurativa di carattere profano.

 

Se fino all’inizio del sec. XIV la morte era concepita come un evento casuale che permetteva l’ingresso verso la vera vita, si assistette, da quel momento in poi, attraverso le pratiche dell’Ars Moriendi, consistenti negli esercizi della ‘Buona Morte’, a una meditazione sul destino fisico dell’uomo. Nacque così, attraverso il ribrezzo e la paura nel pensare al proprio corpo in putrefazione, il senso del macabro.

 

Se inizialmente esisteva un sentimento di repulsione per il corpo ridotto in tale stato, verso la metà del Trecento si giunse a una raffigurazione nuova e autonoma: quella della Morte, cavaliere impetuoso che fa strage, raffigurazione di un potere che agisce non tanto al servizio di Dio, ma per propria iniziativa. Un potere universale che si esercita indistintamente su tutti gli uomini: “È una forza impersonale, né benigna né maligna, senza alcun carattere demoniaco o divino. È imparziale e non assolve nessuna funzione etica; è il simbolo di una legge che si applica a ogni uomo senza scampo e senza motivazioni morali: è l’inesorabile finitezza umana divenuta coscienza collettiva, è il rimpianto per la gioia del corpo e dei sensi”. E questa disperata consapevolezza della propria caducità, completamente al di fuori degli schemi della cristianità medievale, viene espressa, sul piano dell’iconografia pittorica, dalla Danza Macabra che è ‘una delle prime manifestazioni corali della nuova cultura laica’, in cui ‘tutta la società celebra il suo acre incontro con la finitezza’” (2).

 

Fra le immagini legate al concetto di Memento Mori ricordiamo le Danze Macabre sviluppatesi intorno al primo quartodel XV secolo dapprima con intenti moralistici poi come satira contro la corruzione e il fasto delle classi agiate dove la morte in forma di scheletro suonando strumenti del tempo a ritmo di danza conduce uomini di ogni estrazione verso la tomba (figura 1 - figura 2 - Hans Holbein il Giovane, xilografie, 1547).

 

La Morte danzante che trascina nel suo ballo del trapasso l’intera umanità fu fra l’altro motivo ispiratore per molti musicisti sin dal Medioevo. Stefano Landi musicò nel sec. XVII una celebre passacaglia detta Della vita i cui versi recitano:

 

 “O come t’inganni / se pensi che gl’anni / non hann’ da finire / bisogna morire. / È un sogno la vita / che par si gradita, / è breve il gioire, / bisogna morire./ Non val medicina, non giova la China, / non si può guarire, bisogna morire. / Non vaglion sberate, / minarie, bravate / che caglia l’ardire, / bisogna morire. / Non si trova modo / di scioglier ‘sto nodo, / non val il fuggire, / bisogna morire. / Commun’è il statuto / non vale l’astuto / ‘sto colpo schermire, / bisogna morire. / Si more cantando, / si more sonando / la Cetra , o Sampogna, / morire bisogna. / Si more danzando, / bevendo, mangiando; / con quella carogna / morire bisogna. / La Morte crudele / a tutti è infedele, / ogn’uno svergogna, / morire bisogna. / È pur ò pazzia / o gran frenesia, / per dirsi menzogna, / morire bisogna. / I Giovani, i Putti, / e gli Huomini tutti / s’hann’a incenerire /, / bisogna morire. / I sani, gl’infermi, / i bravi, gl’inermi, / tutt’hann’a da finire / bisogna morire. / E quando che meno / ti pensi, nel seno / ti vien a finire, / bisogna morire. / Se tu non vi pensi / hai persi li sensi, / sei morto e puoi dire: / bisogna morire”.

 

Un ulteriore Memento Mori è rappresentato dalla Leggenda dei tre vivi e dei tre morti in cui tre personaggi che in vita erano stati ricchi e potenti, parlano di se stessi e della propria vanitas ad altrettanti vivi di alto rango. Tendenzialmente i vivi sono raffigurati come persone giovani, in atto di cacciare seguiti dai propri cani, mentre i morti appaiono distesi nelle bare oppure in piedi, e a volta sono rappresentati in tre fasi di decomposizione progressiva. In alcune raffigurazioni, appare anche un’asceta che addita ai vivi la presenza dei morti (figura 3 - Leggenda dei tre vivi e tre morti, affresco, inizio sec. XIV, Nostra Signora dell' Abbazia di Vezzolano, Asti).

 

Se l’abbondante presenza di teschi e scheletri nella tradizione greco-romana richiama un memento vivere (3), quelli indicati dalla carta dell’Eremita rappresentano piuttosto, come espresso, un memento mori quindi un cave peccatum, cioè un ‘attenti al peccato’. La celebre canzone monodica in forma di danza facente parte delle composizioni presenti nel Llibre Vermell [Libro Rosso] de Montserrat del 1399, contiene parole aderenti a questo concetto:

 

Ad mortem festinamus                                                                               Ci affrettiamo verso la morte
Peccare desistamus                                                                                     Desistiamo dal peccare

 

Scribere proposui                                                                                         Mi sono promesso di scrivere

De contemptu mondano                                                                             Sul disprezzo del mondo
Ut degentes seculi non mulcentur in vano                                             Affinché non danneggi invano chi ci vive nei secoli
Iam es hora sugere a sompno mortis pravo                                           Già è ora di svegliarci dal cattivo sonno della morte

 

Ad mortem festinamus                                                                               Ci affrettiamo verso la morte

Peccare desistamus                                                                                     Desistiamo dal peccare

 

Vita brevis breviter in brevi finietur                                                         La vita è breve e si estingue in poco tempo

Mors venit velociter                                                                                     La morte, arriva velocemente

Que neminem veretur                                                                                 (Essa) che non teme nessuno
Omnia mors perimit                                                                                    La morte annienta tutto
Et nulli miseretur                                                                                         E non ha compassione di nessuno

 

Ad mortem festinamus                                                                                Ci affrettiamo verso la morte
Peccare desistamus                                                                                      Desistiamo dal peccare

 

Ni conversus fueris et sicut puer factus                                                   Se non ti convertirai e non sarai (casto) come un fanciullo
Et vitam mutaveris in meliores actus                                                       E non trasformerai la vita in azioni migliori
Intrare non poteris regnum Dei beatus                                                   Non potrai entrare beato nel regno di Dio

 

Ad mortem festinamus                                                                               Ci affrettiamo verso la morte
Peccare desistamus                                                                                     Desistiamo dal peccare

 

Etc.                                                                                                                  Etc.

 

L’immagine più usuale con la quale la morte venne raffigurata è quella di uno scheletro armato di falce, strumento che lo connette a Chronos il Dio del tempo, il quale diventa strumento ausiliario della morte.

 

Si può trovare inoltre con in mano un arco o una spada. Una bella immagine di uno scheletro intento a colpire con arco e frecce si trova nella raffigurazione del Trionfo della Morte presso l’Oratorio dei Disciplini di Clusone dipinto nel 1484 o 1485 daGiacomo Borlone de Buschis. Lo scheletro, a destra della Morte Trionfante, incocca tre frecce (peste, fame, guerra) mentre alla sinistra della stessa, un altro scheletro fulmina gli astanti con un archibugio (figura 4).

 

La Morte mantiene la falce nel caso venga raffigurata a cavallo, nel ruolo di uno dei ‘Quattro Cavalieri dell’Apocalisse’ (figura 5 - Anonimo, xilografia, sec. XVI) oppure nelle raffigurazioni del trionfo petrarchesco in cui è assisa, con in mano la falce, sopra un carro guidato da buoi psicopompi (dal greco ψυχοπομπóς, da psyche - anima - e pompós - colui che conduce) (4) il cui compito è quello di accompagnare le anime dei morti nel loro viaggio dopo la morte (figura 6 - Philip Galle, Trionfo della Morte, acquaforte, sec. XVI).

 

I  personaggi che accompagnano il suo carro, o che vengono calpestati, appartengono a classi sociali ricche e potenti, siano essi laici o religiosi, persone che per i loro privilegi erano in grado di vivere agiatamente e a cui la morte appariva molto più devastante di quanto lo fosse per quei miseri contadini che morivano in continuazione come mosche e che, tutto sommato, non avevano né salute né tesori di cui lamentare l’abbandono in seguito alla propria dipartita da questa terra.

 

Una delle più antiche se non la più antica raffigurazione conosciuta della morte a cavallo che calpesta persone e brandisce la spada contro dei viventi, si trova in un affresco della metà del sec. XIV presso il monastero benedettino del Sacro Speco a Subiaco (figura 7).

 

Come abbiamo da tempo fatto osservare, poiché i Tarocchi rispecchiano la Scala Mistica cristiana, la presenza della carta della Morte si configura quale ulteriore Memento Mori, indicante all’uomo l’inevitabilità del trapasso, tempo in cui occorreva che l’anima si trovasse in perfetto stato di grazia per meritare la salvezza eterna.

 

Le immagini della Morte nei tarocchi aderiscono alle versioni più consuete con la presenza dello scheletro: se nei Tarocchi Visconti-Sforza è raffigurato in piedi, con in mano un grande arco (figura 8), in quelli di Carlo VI (figura 9) e nei tarocchi Visconti di Yale (figura 10) appare a cavallo brandendo la falce e calpestando papi, vescovi e cardinali.

 

Nei tarocchi presenti ora al Victoria and Albert Museum di Londra, la carta della Morte è una delle quattro sopravvissute, assieme alle Stelle, il Fante di Denari e l’Asso di Coppe (5). Essa si presenta come uno scheletro indossante un abito vescovile con tanto di cappello con nappe, recante una falce. Dalla sua bocca esce un cartiglio con la scritta Son fine, variazione per Sine fine ovvero Senza fine, a significare che la sua falce non avrebbe mai cessato di mietere vittime (figura 11). Uno stesso cartiglio sempre uscente dalla bocca di un teschio, si ritrova nella cornice cinquecentesca che incornicia il Trionfo della Morte all’Oratorio dei Disciplini a Clusone (figura 12).

 

Tale iconografia rimarrà invariata nella carta della Morte in tutta la sua successiva produzione, compresa quella del Wirth, anche se intrisa da valenze di carattere esoterico (figura 13).

 

Questo trionfo, naturalmente, si adatta alla vecchia superstizione di cui il 13 è un numero sfortunato. Non è noto se la carta abbia produtto la superstizione o viceversa.

 

Note

 

1 - Alberto Tenenti, Il senso della morte e l’amore della vita nel Rinascimento Einaudi, 1989.

2 - R. Romano - A. Tenenti, Alle origini del mondo moderno (1350-1550), Milano, Feltrinelli, 1967.

3 - Per i numerosi esempi della presenza di scheletri in ambito greco-romano si legga: Joan Huizinga, L’autunno del medioevo, Trad. Italiana, Firenze, 1973, pp. 232-244.

4 - I tori che accompagnano i morti rappresentano una reminiscenza del toro psicopompo degli egizi: in diverse pitture, ad esempio, troviamo un toro nero portare sul proprio dorso il cadavere di Osiride. Cfr: Louvis Réau, Iconographie de l’art chrétien, II, 2, Parigi, 1957.

5 - Datate alla fine del sec. XV, furono attribuite all’ambiente milanese da Thierry Depaulis nel catalogo Tarot: Jeu et Magie della mostra omonima allestita presso la Biblioteca Nazionale di Parigi nel 1984, p. 39.

 

 Copyright  by Andrea Vitali  - © All rights reserved 1997 and 2018